Effetto Parigi: Investimenti

L’Accordo di Parigi ha inviato un chiaro messaggio a mercati, aziende e investitori di tutto il mondo, accelerando  la transizione già in atto nei modelli finanziari e di investimento.

Il settore privato ha avviato un’estesa valutazione di esposizione al rischio climatico

Il settore privato, così come le imprese statali, hanno avviato un’estesa valutazione della loro esposizione ai rischi derivanti dal  riscaldamento globale, che ha trovato riscontro nel numero record di votazioni su questioni legate al cambiamento climatico durante l’ultima riunione degli azionisti statunitensi.

#EffettoParigi: Investimenti e Finanza. Infografica di Climate Nexus

Governi e aziende hanno inoltre dimostrato una crescente volontà di mettere un prezzo alle emissioni di carbonio, come si è visto dalla proposta di Obama di una tassa sul petrolio pari a 10$ al barile e dall’annuncio da parte della Cina riguardo all’inclusione di 8 grandi industrie nel proprio mercato delle quote di emissione di carbonio.

Nel 2016 potrebbero venire emessi più di 50 miliardi di Green Bonds [Fonte Moody’s]

Sulla scia dell’Accordo di Parigi, il settore finanziario sta mobilitando sempre più capitali nei green bonds. La società di analisi finanziaria Moody’s ha stimato che dopo Parigi il mercato dei green bond potrebbe superare la cifra record di 50 miliardi di dollari nel solo 2016, di cui 1.5 miliardi emessi da un’unica compagnia: Apple