Warning: Illegal string offset 'show-title' in /web/htdocs/www.italiaclima.org/home/wp-content/themes/greennature/header-title.php on line 7

02
Apr

COP26 slitta al 2021, la riflessione di ICN

È notizia di ieri sera 1° aprile, che la COP26, che avrebbe dovuto svolgersi a novembre 2020 a Glasgow, è stata rinviata a data da destinarsi nel 2021 a causa di COVID-19. Così il Segretariato dell’UNFCCC (Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici), con il Regno Unito e l’Italia, hanno dato l’annuncio su cui si stava discutendo già da qualche settimana. Secondo la UN Climate Change Executive Secretary Patricia Espinosa, COVID-19 è oggi la minaccia più urgente per l’umanità, ma non possiamo neanche dimenticare che il cambiamento climatico è la più grande minaccia per l’umanità a lungo termine.

Proprio per questo i lavori dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile devono diventare ancora più urgenti, per uscire da questa grande crisi sanitaria e socio-economica. I 17 obiettivi di sviluppo sostenibile sono da integrare tra loro perché affrontano i tre assi tra sviluppo economico, sociale e ambientale. L’obiettivo 3 su salute e benessere ci appare in questo momento storico prioritario, ma è strettamente collegato con tutti gli altri obiettivi come ad esempio l’obiettivo 13 su lotta contro il cambiamento climatico.

In Unione Europea inoltre si è lanciato mesi fa il Green Deal che mira a rendere l’Europa il primo continente “carbon neutral and resilient” entro il 2050. Questa roadmap Europea che sarebbe dovuta essere presentata alla COP26 quest’anno, deve essere mantenuta proprio per promuovere riforme politiche per un’Europa all’avanguardia nelle industrie rispettose del sistema climatico, nelle tecnologie e nel finanziamento verde, garantendo nel contempo che nessuno rimanga indietro.

La cooperazione internazionale è la base necessaria per un mondo socialmente, economicamente ed ecologicamente resistente e rimane l’opzione migliore per risolvere le crisi presenti e future, come COVID-19 o la crisi climatica globale. L’impegno dei Paesi per combattere il cambiamento climatico deve rimanere una priorità globale non negoziabile, perché in questo momento di discontinuità un impegno rafforzato permetterà la creazione di nuove opportunità di lavoro nel campo delle tecnologie a basse/zero emissioni di carbonio e nel campo della resilienza delle nostre società. Con la COP26 prorogata a data da definirsi nel 2021, tutti i Paesi ed in particolare quelli che ancora non hanno proposto un impegno più ambizioso per i propri NDC, possono allineare i propri sforzi di ripresa economica in maniera sostenibile: possono rafforzare l’ambizione di affrontare la crisi climatica in modo socialmente equo, decarbonizzando economie e sistemi energetici, aumentando l’uso delle nature-based solution per rendere più resilienti le aree urbane e rurali e per rendere l’agricoltura più sostenibile e per fermare la deforestazione.

Lo slittamento della COP26 al 2021 non implica che lo sviluppo e la pianificazione delle politiche climatiche debbano subire una pausa: il superamento della crisi legata al Covid-19 passa anche, e forse soprattutto, da una rimodulazione e innovazione dell’intero tessuto economico e sociale. I piani clima e gli obiettivi contenuti negli NDC sono uno strumento fondamentale in questa direzione.

Italian Climate Network auspica che la corsa alla ripresa economica tenga in considerazione questi aspetti e si mantenga una linea ferma nel continuare l’attuazione dell’ambizioso European Green New Deal, resistendo alle frenate degli Stati Membri con interessi opposti e che l’emergenza sanitaria in atto permetta di includere misure che in modo congiunto combattano il cambiamento climatico e mettano in sicurezza l’intero sistema sanitario comunitario.

Dovremo ancora di più dopo questa emergenza globale allineare gli sforzi di recupero economico ai concetti di sostenibilità. Dobbiamo continuare a sostenere e sollecitare i Paesi a rafforzare significativamente le ambizioni climatiche in linea con l’accordo di Parigi.

You are donating to : Italian Climate Network

How much would you like to donate?
€10 €20 €30
Would you like to make regular donations? I would like to make donation(s)
How many times would you like this to recur? (including this payment) *
Name *
Last Name *
Email *
Phone
Address
Additional Note
Loading...