31
Ott

COY16: IL RACCONTO DELLA COP DEI GIOVANI PER IL CLIMA

Dal 28 al 31 Ottobre si è svolta a Glasgow la COY (Conference of Youth) numero 16, la conferenza organizzata da YOUNGO (il gruppo di interesse dei giovani alle Nazioni Unite per il Clima), riconosciuta dalla Convenzione Quadro dei Cambiamenti Climatici (UNFCCC) come il momento principale di interlocuzione e dialogo giovanile preliminare alla COP. Anche Italian Climate Network ha partecipato alla COY con Giulia Persico, coordinatrice nazionale della COY16 e parte della delegazione italiana nella conferenza dei giovani a Glasgow

La sedicesima edizione ha visto la partecipazione di più di 400 giovani tra 18 ai 35 anni, provenienti da 120 Paesi, Parti della Convenzione Quadro. Quattro giorni di conferenze, dibattiti, workshops, momenti di confronto cruciali per il movimento giovanile globale, per dialogare e sviluppare proposte da riportare nel negoziato sul clima immediatamente successivo. Un negoziato costruito dai giovani e per i giovani, attraverso un processo dal basso frutto dell’impegno di centinaia di ragazzi e ragazze provenienti da ogni parte del globo. 

Durante la Cerimonia di apertura, il Primo Ministro scozzese, Nicola Sturgeon, ha spronato i giovani delegati a far sentire sempre di più la loro voce, riconoscendo il maggior impatto che i cambiamenti climatici hanno sulle nuove generazioni. Tre rappresentanti delle popolazioni indigene dell’Amazzonia hanno poi sottolineato, con un concerto di musica tradizionale, l’importanza di rispettare e riconnettersi con la natura. 

Durante la COY è stata offerta un’occasione unica di confronto tra attivisti e giovani professionisti, di scambio idee e suggestioni, ma anche la possibilità di interloquire con esperti del settore, e un’area dedicata ai lavori verdi in cui i delegati hanno potuto dialogare con alcune aziende e associazioni che si stanno muovendo verso la transizione ecologica. Diversi i workshop con speakers di alto livello, come quello tenuto dall’associazione francese Climate Fresk in tema di educazione climatica, l’evento dell’Associazione One Ocean Hub, su Oceano e cambiamenti climatici e l’evento della WMO su Acqua e Clima. 

Ma soprattutto, durante la Conferenza è stato discusso il Global Youth Statement, la Dichiarazione Globale della Gioventù sui cambiamenti climatici, un documento politico che sarà presentato durante la COP26 e ivi rappresenterà ufficialmente la voce dei giovani durante il negoziato. Questa dichiarazione si basa sui contributi raccolti durante l’anno da individui, associazioni e istituzioni da tutto il mondo e dalle COY Locali (LCOYs), e contiene raccomandazioni generali e proposte specifiche focalizzate sui singoli Paesi, su diversi temi cruciali relativi al clima. 

I principali temi specifici inclusi nella dichiarazione riguardano: la giustizia climatica, il principio di inclusione alla COP e ad altri processi dell’UNFCCC, il sostegno finanziario per i popoli e le aree più colpite (MAPA), l’energia, la finanza climatica, il meccanismo di loss and damage, cibo e agricoltura, città e comunità sostenibili, mobilità e trasporti, salute, consumo e produzione sostenibili, acqua, servizi igienico-sanitari e oceani, conservazione della fauna selvatica e dell’ambiente.

La richiesta generale che unifica tutti i temi presentati nel Global Youth Statement riguarda l’inclusione attiva dei giovani in tutti i processi decisionali in materia di cambiamento climatico, in ambito nazionale e internazionale, attraverso un approccio intersezionale e riconoscendo che i cambiamenti climatici colpiscono alcune comunità e gruppi sociali in modo sproporzionato, e che rappresentano una crisi sociopolitica che necessita un’azione sistemica e radicale. 

Nella cerimonia conclusiva sono intervenuti Patricia Espinoza, il Segretario Esecutivo della UNFCCC, da sempre ferma sostenitrice dell’inclusione giovanile nel processo negoziale sul clima e il Presidente della COP26 Alok Sharma, che ha ribadito l’importanza della partecipazione giovanile nei processi decisionali e ha invitato i giovani della COY a partecipare all’evento del 5 novembre durante la COP, una giornata interamente dedicata ai giovani, nella quale verranno presentate e discusse le proposte raccolte durante la Youth4Climate di Milano e il Global Youth Statement della COY

Continuate a seguire, quindi, la COP con la speranza che i leader trasformino le promesse di inclusione dei giovani in azione. 

di Giulia Persico, Coordinatrice Progetto Scuola e Coordinatrice nazionale COY16

You are donating to : Italian Climate Network

How much would you like to donate?
€10 €20 €30
Would you like to make regular donations? I would like to make donation(s)
How many times would you like this to recur? (including this payment) *
Name *
Last Name *
Email *
Phone
Address
Additional Note
Loading...